“Il Canto dell’arpista”

i Carvaki

i Sofisti

Epicuro

Lucrezio

Luciano

Sesto Empirico

Bao Jin jang

Abu Nuwas

al-Rawandi

Jinasena

Mansur al-Hallaj

Abu Bakr al-Razi

i Carmati

Ibn al-Hadjadj

Omar Khayyam

Juan Ruiz

Imadeddin Nasimi

Herman de Rijswijck

Poggio Bracciolini

Pietro Pomponazzi

Erasmo

Nicolò Franco

Giordano Bruno

Giulio Cesare Vanini

Baruch Spinoza

Jean Meslier

John Toland

Anthony Collins

Voltaire

Denis Diderot

Paul-Henri Thiry d’Holbach

Carlo Alberto Pilati

D.A.F. de Sade

Sylvain Maréchal

Arthur Schopenhauer Percey

Shelley

Giacomo Leopardi

Ludwig Feuerbach

Max Stirner

Pierre-Joseph Proudhon

Michail Bakunin

Korat al-Ain

Carlo Pisacane

Charles Baudelaire

Mark Twain

Friedrich Nietsche

Johann Most

Errico Malatesta

Arthur Rimbaud

Sigmund Freud

Milesbo

Trilussa

Albert Libertad

Mansur Fahmy

Benjamin Péret

Jacques Prévert

i Surrealisti

Gora

Abdur Kader al-Janabi

Taslima Nasreen

Crass

Aa Vv

SONO ATEO, GRAZIE A DIO!

(antologia di testi antireligiosi e materialisti dall'antichità ad oggi)


288 pp • € 12,00




È un fatto: non esistono religioni buone e religioni cattive. La religione, quale che sia, è la negazione dell'intelletto e dei sentimenti più autentici, la repressione dei desideri, la mortificazione della dignità, nonché l'incitamento alla rassegnazione, l'apologia della sottomissione, l'esaltazione della miseria. La religione protegge il potente, benedice Il soldato, approva il gendarme, prepara il boia, mentre scomunica e condanna ogni pensiero e ogni gesto ribelle. Ma non serve a nulla bestemmiare contro i padroni del cielo se si rivolgono preghiere a quelli sulla terra. Gli uni non possono vivere e prosperare senza gli altri. Né Dio, né Stato era e continuerà ad essere una condizione essenziale per la liberazione umana.

Di fronte al risorgere dei fondamentalismi, sia cristiani che musulmani, nauseati dal ritorno di Dio, dei suoi sgherri e delle sue crociate/jihad, ci è sembrato opportuno ricordare la battaglia multisecolare condotta dagli atei e dai liberi pensatori.

I testi qui raccolti, In ordine cronologico, provengono da ogni parte del mondo e mescolano opere filosofiche e letterarie, poesie e canzoni, riflessioni personali e proclami militanti. Molti sono probabilmente già noti ai lettori, altri sono di difficile reperibilità, altri ancora sono del tutto inediti in italiano; fra questi ultimi, ci sono numerosi scritti eretici provenienti da quell'oriente oggi in ebollizione e che un diffuso luogo comune vorrebbe da sempre In mano a lugubri teocrazie, storicamente privo di dissidenza e resistenza interna. Nel complesso, costituiscono solo una piccolissima parte del pensiero antireligioso che ha accompagnato l'umanità dall'antichità ad oggi.


«Quando la fede si spegne nel popolo,

esso non può sopportare la propria miseria e si rivolta!»

Ludwig Windthorst (1812-1891)

politico tedesco, leader del partito cattolico

entrataentrata.html
e noi?enoi.html
collanecollane.html
autori/titoliautori-titoli.html
a margineamargine.html
come e dovecome-e-dove.html
contattomailto:trrivio@gmail.com?subject=oggetto%20e-mail
appendicedio_extra.html