entrataentrata.html
e noi?enoi.html
collane
autori/titoliautori-titoli.html
a margineamargine.html
come e dovecome-e-dove.html
contattomailto:trrivio@gmail.com?subject=oggetto%20e-mail

COLLANE



elementi

Cioè i primi rudimenti, le nozioni basilari,
le singole parti che concorrono...

ideazione

«Altro è la teoria, altro è la pratica»,
recita un diffuso luogo comune...

pietre

Sono quelle tirate a chi, con le parole o con 
gli atti, ha dato pubblico scandalo...

assaggi

Tutti i pensieri razionali che pretendevano 
di cambiare l'ordine delle cose sono falliti.
La grande abbuffata ideologica è finita...

filo nero

Gli apologeti di questo mondo sono impegnati 
ad occultare i momenti di rottura 
avvenuti nel corso della storia...

pandemonio

Una terribile confusione, un rumoroso 
disordine o – più semplicemente – 
un luogo di ritrovo di demoni...

avversi

La poesia non può ridursi ad inoffensivo
gioco di immagini e parole...

scripta manent

Non tutte le parole volanti 
meritano d'essere dimenticate...

voci fuori campo

Condannati alla loro moderna funzione 
digestiva, cinema e teatro...

pro e contro

Incredibile ma vero, anche la virtù
accademica conosce i suoi infortuni...

fuori collana

I nostri vecchi titoli ormai esauriti, alcuni dei quali 
è possibile qui scaricare liberamente...elementi.htmlideazione.htmlpietre.htmlassaggi.htmlfilo_nero.htmlpandemonio.htmlavversi.htmlscripta_manent.htmlvoci_fuori_campo.htmlpro_e_contro.htmlfuori_collana.htmlshapeimage_9_link_0shapeimage_9_link_1shapeimage_9_link_2shapeimage_9_link_3shapeimage_9_link_4shapeimage_9_link_5shapeimage_9_link_6shapeimage_9_link_7shapeimage_9_link_8shapeimage_9_link_9shapeimage_9_link_10

COLLANE


«Qui su questo promontorio si dà vita a forme estreme.

I nostri libri, o borghesi, vi risulteranno incomprensibili»

(Manifesto dell’eternismo, 1916)


Incomprensibile appare tutto ciò che rifiuta di partecipare al funzionamento di questo mondo della servitù volontaria, di versare il suo piccolo obolo di cieca adesione o di arguto rimprovero.

Anche per noi la credenza, anzi, l’assoggettamento al mondo reale è senza ombra di dubbio il fondamento di ogni servitù.

Solo mettendo da parte ogni abitudine, ogni dato acquisito, ogni certezza, si può andare alla ricerca di quello che non è, né è stato.

Per oltrepassare le forme consentite dal presente, bisogna quindi immergersi in avvenimenti sconosciuti, pronunciare parole insospettate, spezzare i limiti del pensiero, affinché si sia infine in grado di concepire questa evidenza: TUTTO è sempre possibile.